Stop alle violenze


Come creare un piano di sicurezza personale: una guida completa per le donne.

La paura è una compagna di viaggio che molte donne conoscono fin troppo bene. Paura di camminare da sole per strada, di prendere i mezzi pubblici di sera, di tornare a casa tardi dal lavoro. Una sensazione che limita la libertà, imprigiona e toglie sicurezza.

Ma la paura non è una condanna. È possibile affrontarla e imparare a gestirla, creando un piano di sicurezza personalizzato.

Questa guida completa ti fornirà tutti gli strumenti necessari per creare un piano di sicurezza efficace e adattarlo alle tue esigenze specifiche.

Fase 1: Valutazione dei rischi.

Identifica i pericoli: rifletti sulle tue esperienze passate e sui potenziali rischi che puoi incontrare nella tua quotidianità.

Prendi in considerazione la tua zona di residenza, i tuoi percorsi abituali, gli orari a rischio e le persone da evitare.

Sii consapevole delle tue abitudini e dei potenziali rischi che comportano, come l'utilizzo di smartphone in zone isolate o l'abitudine di indossare cuffie che limitano la tua percezione dell'ambiente circostante.

Fai attenzione ai segnali di pericolo: impara a riconoscere i segnali che possono indicare una situazione di pericolo imminente, come qualcuno che ti segue, un'auto che ti osserva insistentemente, una persona che ti importuna o ti fa sentire a disagio.

Segui il tuo istinto: se qualcosa ti sembra strano o pericoloso, è meglio fidarsi della tua intuizione e allontanarsi dalla situazione.

Fase 2: Precauzioni da adottare.

Segui percorsi sicuri: scegli strade illuminate e frequentate, evita i vicoli bui e le zone isolate, soprattutto di sera o in orari di scarsa affluenza.

Se possibile, pianifica i tuoi percorsi in anticipo e condividili con persone fidate.

Prendi in considerazione l'utilizzo di mezzi di trasporto alternativi, come taxi o servizi di car sharing, se ti senti a disagio a camminare da sola o a utilizzare i mezzi pubblici.

Informa qualcuno di dove vai: comunica a un amico, un familiare o un collega il tuo itinerario e l'ora presunta di ritorno, sia che tu stia uscendo per una breve passeggiata o per un impegno più lungo.

In questo modo, qualcuno saprà dove trovarti in caso di necessità e potrà allertare le autorità se non dovessi rientrare entro il tempo previsto.

Porta con te un dispositivo di sicurezza: avere a disposizione un dispositivo di sicurezza può aiutarti a difenderti in caso di aggressione.

Alcune opzioni includono:

Fischietto: un fischietto può essere utilizzato per attirare l'attenzione in caso di pericolo.

Spray al peperoncino: lo spray al peperoncino è un deterrente efficace contro gli aggressori ma è importante utilizzarlo con cautela e seguire le istruzioni per evitare di ferire te stessa o altri.

Telefono con un'app di emergenza: esistono diverse app che possono essere utilizzate in caso di emergenza, come quelle che ti permettono di inviare un SOS con la tua posizione a persone fidate o di allertare direttamente le autorità.

Fase 3: Creazione di un piano d'azione.

Decidi cosa fare in caso di pericolo: in base ai rischi che hai identificato e alle tue capacità, stabilisci cosa fare in caso di aggressione o di altra situazione di pericolo.

Alcune opzioni includono:

Urlare: urlare a gran voce può attirare l'attenzione di persone nelle vicinanze e dissuadere l'aggressore.

Chiedere aiuto: se ti trovi in un luogo pubblico, non esitare a chiedere aiuto alle persone presenti o a chiamare le forze dell'ordine.

Scappare: se possibile, cerca di scappare e di rifugiarti in un luogo sicuro, come un negozio, un bar o la casa di una persona di fiducia.

Difenderti: se sei in pericolo imminente.

Suggerimenti e richieste.

I vostri suggerimenti e le vostre richieste faranno crescere questo spazio.

SEGUICI!

AI Website Maker